DarkProject Heavy

Francesca Deriu, pianoforte

Andrea Bini, percussioni

Michele Casanova e Marcello Cualbu, video live ed elettro/suoni

Fabrizio Casti proiezione sonora e live electronics

Marcello Pusceddu, direzione musicale

Musiche di:

Enrico Cocco, Not music too! per pianoforte, percussioni, video live set e live electronics;

Michele Casanova e Marcello Cualbu, Interferenze audio/video

Fabrizio Casti, Trasparenze impossibili per pianoforte e live electronics;

Michele Casanova e Marcello Cualbu, Interferenze audio/video

Marcello Pusceddu, Solo II, 2 per percussioni e live electronics;

Michele Casanova e Marcello Cualbu, Interferenze audio/video

Franco Oppo, Sonata B per pianoforte e percussioni;

Un duo di strumenti acustici, Francesca Deriu al pianoforte e Andrea Bini alle percussioni; le immagini e i suoni elettrici di Signorafranca, ovvero Michele Casanova (alias Dubmode) e Marcello Cualbu (Mantaraffu), Duo specializzato nella sperimentazione audio/video; le partiture di quattro compositori sardi di ambito “colto” che scrivono musica anche con l’uso della tecnologia (Franco Oppo, Marcello Pusceddu, Enrico Cocco e Fabrizio Casti). Esperienze musicali e visive di mondi tradizionalmente non comunicanti si incontrano e uniscono in Dark Project, la produzione dell’associazione Spaziomusica (artefice dell’omonimo festival di musica contemporanea che ha nel 2008 celebrato la sua edizione numero ventisette). In Dark Project tutto è realizzato in tempo reale, le immagini, la musica acustica, che è l’elemento unificante di tutto il lavoro, ed elettronica, e ogni componente risponde alle esigenze espressive delle altre, dando forma a una macrocomposizione audio/video in cui senza intervalli si passa da una composizione all’altra accompagnati da suoni e immagini che si collegano, legano, uniscono.

Dark Project è un progetto mobile, flessibile, mutevole, è un progetto che mette sotto lo stesso denominatore della “tecnologia creativa” esperienze artistiche anche estremamente diverse. Tecnologia che si pone come tramite per una integrazione e forse una sintesi tra diverse forme espressive diventando un incrocio trafficatissimo che produce mutamenti inesauribili in uno scambio incessante che vive in un vuoto parallelo della creazione e della rivoluzione elettronica e digitale.

1 Comment

  1. Definitely believe that that you stated. Your favourite justification appeared to be on the internet the simplest thing to understand of. I say to you, I definitely get annoyed whilst other folks consider issues that they plainly don’t understand about. You controlled to hit the nail upon the highest and outlined out the whole thing with no need side-effects , folks can take a signal. Will likely be again to get more. Thank you

Leave a Reply

Theme by Anders Norén